Bergamo. Affermazioni diffamatorie nei confronti del Prc: sporgeremo querela

Abbiamo riscontrato sulle pagine social (Facebook) del signor Luca Fusco, presidente del comitato “Noi denunceremo”, reiterate affermazioni diffamatorie nei confronti del Partito della Rifondazione Comunista.

Dichiarazioni con cui si tende ad attribuire al PRC una qualche paternità o responsabilità per le minacce inviate l’anno scorso ad alcuni esponenti di Confindustria. Azioni in realtà compiute da ignoti che però per il signor Fusco sono identificabili tout court con il PRC.

Nel ribadire la nostra vicinanza alle persone perquisite e che noi riteniamo completamente estranee ai fatti contestati, segnaliamo che il PRC ha invece, in un pubblico comunicato, affermato con forza non solo la sua estraneità ai fatti, ma anche di non sapere chi ha usato minacce e intimidazione nei confronti degli imprenditori e di Confindustria.

Azioni che ha invece condannato dichiarando “la ragione si afferma con la lotta politica e non con la violenza e l’intimidazione. Chi lo ha fatto, chiunque sia, ha sbagliato”.
In risposta alle dichiarazioni del sig. Luca Fusco; il PRC agirà nelle opportune sedi giudiziarie con querela per salvaguardare il suo buon nome e ripristinare la verità.

Si sappia: non saranno le minacce, le perquisizioni, le campagne di disinformazione, né tanto meno le calunnie a impedirci di ribadire la verità su ciò che è avvenuto a Begamo un anno fa e che tutti i bergamaschi comunque già conoscono. (Bergamo, 16/03/2021, Partito della Rifondazione Comunista / Sinistra Europea, Fabrizio Baggi, Segretario regionale Lombardia – Francesco Macario, Segretario provinciale di Bergamo)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.