FESTA IN ROSSO 2018 – Estrazione sottoscrizione a premi

sottoscrizione-a-premi-2018

Commenti disabilitati more...

02.09.18 Villa di Serio. Tutti sul Serio contro Salvini

salvini-sul-serio

Comunicato di Rifondazione Comunista/Sinistra Europea di Bergamo e provincia

Invitiamo a partecipare alla mobilitazione indetta dalle associazioni antirazziste, che si terrà domenica 2 settembre dalle ore 18.00 a Villa di Serio sulla riva del fiume Serio di fronte alla festa della Lega ad Alzano Lombardo dove sarà presente il ministro dell’interno Matteo Salvini.

Che cosa dirà Matteo Salvini ad Alzano, dopo la vergognosa vicenda dei profughi della nave Diciotti, vicenda per la quale risulta inquisito dalla magistratura, è facilmente prevedibile ma non per questo meno intollerabile.
La propaganda dell’odio e la scelte antimmigrazione, peraltro queste niente affatto in discontinuità con quelle del precedente governo (Minniti), non sono solo una follia, ma una strategia di distrazione di massa per distogliere l’attenzione dalle emergenze sociali, dalle mancate risposte politiche, dalle promesse elettorali non mantenute.

Oggi per Salvini e per il governo è più comodo e conveniente indirizzare contro i migranti il senso di frustrazione e di rabbia dei ceti popolari, che hanno più pesantemente subito le politiche neoliberiste volute dalle oligarchie europee e dai partiti popolare e socialista che le sostengono, che non assumersi responsabilità rispetto ai problemi della disoccupazione, della precarietà delle condizioni lavorative e sociali in cui sono state ridotte milioni di persone. Anche perché Salvini condivide buona parte delle ricette neoliberiste che sono all’origine delle politiche europee (pensiamo solo alla sua proposta di Flat Tax)

Altro che abrogazione della legge Fornero o reddito di cittadinanza sociale di cui ci sarebbe bisogno! Altro che revoca delle concessioni autostradali o nazionalizzazione delle autostrade.!Tanti proclami roboanti e poi avanti più o meno come prima. In tutto ciò Salvini e Di Maio sono interamente funzionali ai piani alti della società ed esattamente in linea con l’austerity in salsa euro-liberista che abbiamo subito da anni. E infatti questo in un Paese dove i ricchi sono sempre più ricchi e i poveri sempre più poveri.

Dopo le mobilitazioni antifasciste-antirazziste, come la grande manifestazione di martedì 28 a Milano, saremo anche noi a Villa di Serio per dire no alla regressione razzista e autoritaria che caratterizza ossessivamente il governo penta-leghista e per chiedere le dimissioni del ministro dell’interno inquisito, ma soprattutto per ricreare uno spazio di mobilitazione sociale in tema di salario, pensioni, sanità, scuola,diritti del lavoro, diritti sociali, beni comuni, non dimenticando anche di denunciare chi, come il PD, ha lavorato in questi anni per toglierci queste conquiste sociali.

Ciò che occorre in questo momento non è solo creare un fronte indistinto contro Salvini in nome di una generica unità delle “sinistre”, ma soprattutto dare risposte ai ceti popolari calpestati in questi anni dai governi di centrodestra e centrosinistra che si sono succeduti, e di contrastare la campagna di distrazione di massa dei fascio-leghisti e degli utili idioti con cui sono in questo momento al governo.(Bergamo, 31.08.18, per la segreteria della federazione PRC di Bergamo il segretario Francesco Macario)

Commenti disabilitati more...

(17-26.08.18) Festa in Rosso 2018 a Torre Boldone: “Ci risiamo! E’ PROPRIO UNA FESTA”

E’ festa di un partito politico di sinistra, di un partito comunista.

Questa è la Festa in Rosso, erede delle tante “Feste di Liberazione” che in 27 anni si sono tenute in città e in altri paesi della Provincia Bergamasca e che hanno rappresentato e rappresentano la volontà di interazione tra Rifondazione Comunista e un popolo che può conoscerla, anche gastronomicamente parlando, grazie al lavoro congiunto di iscritti e simpatizzanti.

Un legame indissolubile che fa di questa comunità una delle poche realmente alternative nel panorama desolante dell’avanzamento di un nuovo autoritarismo che, ogni giorno, si propone come soluzione di tutti i mali del Paese.

E i mali sono il colore della pelle, l’amore di due uomini o due donne per i figli che intendono avere sfidando le millenarie convinzioni sulla perfezione della loro morale che perseguita il “popolo del vento”, i rom, i sinti, finiti nelle camere a gas dei nazisti proprio come gli ebrei, gli omosessuali e tutti coloro che erano sgraditi al Reich hitleriano.

La festa in Rosso, Rifondazione Comunista, la comunità di iscritti e militanti, di simpatizzanti è qui a dimostrare che un fronte di resistenza esiste,

La Festa in Rosso e Rifondazione Comunista sono quest’anno un invito a non arrendersi, a rimanere coscienti, a non farsi trascinare dalla rabbia priva di critica sociale, tutta protesa all’odio dettato dalla facilità espressiva del pregiudizio attraverso una ignoranza sempre più diffusa dei e sui fatti. (continue reading…)

Commenti disabilitati more...

TORRE BOLDONE – FESTA IN ROSSO DAL 17 AL 26 AGOSTO

programma-fronte-e-retro-2018

Commenti disabilitati more...

DEVI LIBERARTI DEI LIBRI VECCHI E DEI GIOCHI CHE NON TI SERVONO PIU’?

mercatino2018

Commenti disabilitati more...

TORRE BOLDONE – FESTA IN ROSSO 2018 DAL 17 AL 26 AGOSTO

manifesto-festa-in-rosso-2018

Commenti disabilitati more...

Governo Lega 5Stelle – una pacchia per i ricchi, una fregatura per i lavoratori

governo-5stelle-lega

Commenti disabilitati more...

Raccolta firme per le tre proposte di legge di iniziativa popolare: Scuola della Costituzione – Legge elettorale proporzionale – Cancellazione del pareggio di bilancio dalla Costituzione

Sabato 16 giugno dalle ore 8,30 alle 12

raccolta firme in via Borghetto vicino alla fermata dell’ATB

firme

Commenti disabilitati more...

FIRMA LE TRE PROPOSTE DI LEGGE DI INIZIATIVA POPOLARE

FIRMA LE TRE PROPOSTE DI LEGGE DI INIZIATIVA POPOLARE

1.    PER LA SCUOLA DELLA COSTITUZIONE

2.    PER CANCELLARE DALLA COSTITUZIONE L’OBBLIGO DEL PAREGGIO DI BILANCIO

3.    PER LA LEGGE ELETTORALE PROPORZIONALE

Promosse dalla LIP Scuola e dal Coordinamento per la Democrazia Costituzionale

Se vuoi firmare saremo presenti con un gazebo

Domenica 10 giugno dalle ore 8,30 alle 12,30 in piazza Marconi (dietro la chiesa)

Sabato 16 giugno dalle ore 8,30 alle 12,30 in via Borghetto (fermata ATB)

Puoi anche firmare presso il comune di Torre Boldone durante gli orari apertura al pubblico dell’Ufficio Segreteria fino a venerdì 22 giugno

COSA PREVEDONO LE TRE PROPOSTE DI LEGGE

1.         Abrogazione immediata della Legge 107 (“la cosiddetta “Buona scuola”) per cominciare a costruire una scuola pubblica, laica e pluralista, capace di garantire a tutte e tutti il diritto all’istruzione:

  • Obbligo scolastico fino a 18 anni;
  • Risorse certe e adeguate (almeno il 6% del Prodotto Interno Lordo – PIL), non tagli continui come avviene da 20 anni a questa parte;
  • Vivibilità delle classi e qualità della relazione educativa: non più di 22 alunni per classe e continuità didattica dei docenti;
  • Integrazione vera: dotazione aggiuntiva di insegnanti specializzati per l’accoglienza, per l’educazione interculturale, per gli alunni disabili;
  • Percorsi moderni, efficaci, condivisi …;
  • Funzione docente: unicità, pari dignità, qualificazione …;
  • Partecipazione di tutti alla gestione della scuola: rilancio ed estensione degli organi collegiali elettivi, istituzione del presidente del collegio dei docenti;
  • Autovalutazione delle scuole per un miglioramento continuo; (continue reading…)
Commenti disabilitati more...

Fiscal compact e manganello

FISCAL COMPACT E MANGANELLO

di Marco Bersani – Il manifesto 2.06.2018

Il risultato finale con cui si è conclusa la crisi politica e istituzionale del nostro Paese rappresenta con piena evidenza l’utilizzo del debito come arma di disciplinamento sociale.

Un’arma interamente giocata sul terreno simbolico, in quanto nessuno degli attori principali ne ha mai messo in discussione i fondamenti, aldilà di dichiarazioni di rito buone per tutte le stagioni.

Viene da pensare che il fuoco e le fiamme (fatue), prodotte ed alimentate nell’arco di 48 ore da entrambe le parti, non fossero rivolte agli attori in campo, ma avessero una funzione di alfabetizzazione di massa per tutti quelli che vi assistevano attoniti.

Da una parte, i sostenitori dell’establishment, interni ed esterni, ci hanno detto mai così chiaramente come nell’economia del debito la libertà è solo un contesto apparente: i popoli indebitati rimangono formalmente liberi, ma la loro libertà si può esercitare solo dentro il vincolo del debito contratto, e attraverso stili di vita che non ne pregiudichino il rimborso. (continue reading…)

Commenti disabilitati more...

Copyright © 1996-2010 Rifondazione Torre Boldone e Ranica. All rights reserved.
iDream theme by Templates Next | Powered by WordPress