Articoli marcati con tag ‘BERGAMO’

Torre Boldone, minacce contro Saverio Ferrari

Ieri sera si è svolto l’incontro da noi organizzato con Saverio Ferrari nella sezione del PRC di Torre Boldone.

Una serata di formazione importante, come ce ne dovrebbero essere molte, molte di più, sia per i militanti antifascisti sia per il pubblico più distante dal dibattito politico.
Ringraziamo davvero Saverio per la disponibilità e per la precisione storica e politica con cui ha esposto la situazione attuale, non mancando di chiarire, soprattutto ai più giovani, il processo storico che fin dal secondo dopoguerra, passando attraverso gli “anni di piombo” a portato alla nascita dei gruppi neofascisti e neonazisti nella nostra Penisola.

Ps.
Nella notte precendente all’incontro, qualche vile quanto infame fascista ha imbrattato un muro poco distante dalla sezione del PRC con una scritta di minaccia a Saverio. A lui tutta la nostra solidarietà e la nostra stima per il prezioso lavoro che da anni porta avanti.
Ai fascisti il nostro odio e il nostro disprezzo.
Si sapeva sia l’ora che il luogo dell’iniziativa, il/i “cuor di leone” poteva/no presentarsi tranquillamente ma sappiamo bene che per i fascisti la vigliaccheria è tratto distintivo a meno di non trovarsi dietro lo schermo di un computer oppure ben protetti da numerosi cordoni di polizia.
Ce ne faremo una ragione, noi in strada, nelle piazze, nei cortei, alle iniziative ci siamo e ci saremo sempre, alla luce del sole, testa alta e bandiere rosse al vento.

Antifascisti sempre.

I/le Giovani Comunisti/e di Bergamo.

SABATO 26 MAGGIO | ore 9.00 | Piazzale FF.SS BERGAMO MANIFESTAZIONE CONTRO IL GOVERNO MONTI

ADESSO BASTA!

Il 26 maggio Mario Monti è atteso a Bergamo per il giuramento della Guardia di Finanza, ospite d’onore insieme a evasori, speculatori, banchieri e potenti vari, ovvero coloro che questa crisi l’hanno provocata.

Monti è il fedele attuatore delle politiche prescritte dalla BCE, che impongono sacrifici sempre alle stesse persone: tasse totalmente inique, attacchi all’articolo 18 e ai diritti del lavoro, allungamento dell’età pensionabile, tagli ai servizi sociali, all’istruzione, alla sanità e alla cultura.

Il nostro debito sono loro, un debito che non vogliamo e non possiamo più pagare! Non siamo più disposti a sacrifici, rifiutiamo le politiche di austerità di un governo di “unità nazionale” che fa cadere sulle nostre spalle un debito che non abbiamo contratto noi.

Il governo non sottrae un centesimo a tutto ciò di cui potremmo certamente fare a meno: spese militari, grandi patrimoni, capitali finanziari, opere speculative e dannose (come le autostrade Bergamo-Treviglio e Bre.Be.Mi o il TAV), i costi di una classe politica che ormai non gode più di alcun credito.

LAVORO, CASA, REDDITO, WELFARE, SALUTE, ISTRUZIONE, TERRITORIO: RIVOGLIAMO TUTTO!
SABATO 26 MAGGIO | ore 9.00 | Piazzale FF.SS BERGAMO MANIFESTAZIONE CONTRO IL GOVERNO MONTI verso uno sciopero generale dal basso

 

Comitato Adesso Basta!
#nomonti

 

Rifondazione Comunista Bergamo e Giovani Comunist* Bergamo aderiscono al comitato e invitano tutti a partecipare al corteo contro il governo Monti e le sue politiche di austerity.

EZIO LOCATELLI (FDS): CONTRO LA GUERRA IN LIBIA MOBILITIAMOCI ANCHE A BERGAMO

Ezio Locatelli, portavoce provinciale della Federazione della Sinistra (Rifondazione Comunista, Comunisti Italiani, Socialismo 2000, Lavoro e Società) ha rilasciato la seguente dichiarazione:

“Facciamo appello a tutte le forze pacifiste, a quanti hanno a cuore il ripudio della guerra sancito dalla nostra Costituzione per costruire insieme un percorso di mobilitazione contro la nuova guerra scatenata contro la Libia. La proposta che lanciamo è di una prima mobilitazione per sabato pomeriggio 26 marzo, ore 15, a Bergamo in piazza Vittorio Veneto.

Sia chiaro, non abbiamo alcuna simpatia per il regime dispotico di Gheddafi contrariamente a quanto dimostrato nei mesi scorsi dal governo italiano. Ma con altrettanta forza diciamo che l’intervento militare in Libia è un atto criminale. Ancora una volta si parla di protezione della popolazione civile, di imposizione della libertà e della democrazia a suon di bombardamenti, proprio come nel caso delle due guerre disastrose in Iraq e in Afghanistan. Menzogne allo stato puro per mascherare una strategia di potenza e di affermazione degli interessi economici di un ristretto club di superpotenze mondiali !

Agli Stati Uniti, all’Unione Europea, alle potenze coloniali non interessa nulla di nulla del popolo libico così come di altri popoli, per esempio di quello palestinese lasciato da sempre in balia delle aggressioni israeliane. La nuova guerra in corso, destinata a perpetrare distruzioni e morti, ha come obbiettivo di porre sotto controllo un’area del Mediterraneo ricca di petrolio e di risorse energetiche.

A fronte della nuova guerra che è iniziata a cui partecipa attivamente l’Italia in contrasto con lo spirito della nostra Costituzione bisogna tornare a scendere in piazza, a fare controinformazione, a mobilitarsi. A tutti quanti condividono l’impegno contro la guerra e la proposta di una prima mobilitazione per sabato prossimo, proponiamo un incontro all’Arci di Bergamo, in Via Quarenghi, 34 per giovedì 24 marzo alle ore 17”.

SOSTIENI I LAVORATORI RI-MAFLOW.
CLICCA SUL BANNER PER SOSTENERLI
nuovologosito
fotogallery
Archivi
Newsletter