LA SEDE DI FORZA NUOVA IN BORGO PALAZZO E’ UNA MINACCIA E UNA PROVOCAZIONE.

“Non è possibile tacere a fronte della decisione di Forza Nuova, gruppo politico di orientamento neonazista, di aprire una sede in una delle vie più importanti e frequentate di Bergamo qual’è Via Borgo Palazzo. Ci ricordiamo tutti della parata paramilitare del 28 febbraio inscenata in città da questo gruppo con caschi, spranghe, cori e saluti di stampo fascista.

Ora che dire della decisione di questo gruppo, specializzato nel fomentare odio e violenza, aggressioni di vario genere di insediarsi poco più in là dalla sede provinciale di Rifondazione Comunista-Federazione della Sinistra che è anche sede di numerose associazioni, di insediarsi a breve distanza dalla sede provinciale dell’Anpi e da sedi sindacali, nonché a breve distanza da negozi o locali pubblici gestiti e frequentati fra l’altro da cittadini extracomunitari? Questa apertura di sede è una provocazione e una minaccia a fronte della quale invitiamo a protestare fermamente, in forme pacifiche e non violente. Ripetiamo: in forme pacifiche e non violente. Nessuno si presti a provocazioni!

Bergamo è e deve rimane una città antifascista che difende il fondamento democratico e i valori della convivenza civile propugnati dalla nostra Costituzione. Inoltre i cittadini, i frequentatori delle sedi politiche e associative, gli esercenti hanno il diritto di vivere in un quartiere che non sia esposto o sottoposto alle provocazioni di gruppi nazifascisti che hanno nel loro dna l’idea di odio e di violenza.

La Federazione della Sinistra (Rifondazione Comunista, Comunisti Italiani, Socialismo 2000, Lavoro e Solidarietà) invita i propri militanti, i cittadini democratici e antifascisti, tutti quanti intendono presidiare pacificamente a ritrovarsi sabato 6 novembre, ore 13,30, nel piazzale antistante la sede provinciale di Rifondazione Comunista-Federazione della Sinistra, in Via Borgo Palazzo 84/g. Nessuno stia a guardare! Proponiamo altresì che nei prossimi giorni le forze democratiche e antifasciste si facciano unitariamente promotrici nel quartiere di un’assemblea pubblica sui temi dell’antifascismo, della convivenza, della democrazia che deve improntare la vita a livello di città e di quartiere”.

Ezio Locatelli

I Commenti sono chiusi

SOSTIENI I LAVORATORI RI-MAFLOW.
CLICCA SUL BANNER PER SOSTENERLI
nuovologosito
fotogallery
Archivi
Newsletter