Image Image Image Image Image Image Image Image Image Image

Partito della Rifondazione Comunista – Bergamo | October 19, 2019

Scroll to top

Top

Senza categoria

(27.09.11) Borgo di Terzo. Attivo del Circolo Prc – Valcavallina

16 settembre 2011 |

E’ convocato per martedì 27 settembre alle ore 21, presso la sede del Circolo a Borgo di Terzo, via Rivolta 1.

All’ordine del giorno:

Fase politica e iniziativa del partito – iniziative locali per preparare la manifestazione nazionale del 15 … Read More

(14.09.11) I profughi e la propaganda xenofoba del presidente della Provincia

14 settembre 2011 |

Comunicato di Paolo d’Amico, consigliere provinciale Sinistra per Bergamo (Prc, Pdc, Sd)

Proprio nel consiglio provinciale di lunedì 12 settembre si è discussa l’interpellanza presentata in primavera da Sinistra per Bergamo (Prc,Pdci,Sd) che chiedeva delucidazioni sulle iniziative approntate dalle istituzioni locali per rispondere all’emergenza profughi libici (sono circa 300 i richiedenti asilo ospitati in terra bergamasca, parte dei circa 24000 profughi giunti finora in Italia).

Oggi il presidente leghista della Provincia torna sull’argomento sbattendo, nella sostanza, la porta in faccia ai profughi ospitati sul nostro territorio: “ Allo scadere del permesso i profughi libici non avranno la residenza” e aggiungendo con finezza “sono ospiti pagati e non paganti”. Read More

(11.09.11) Roma. Assemblea nazionale “Indipendenza e conflitto sociale”

12 settembre 2011 |

Roma, 11/09/2011 

L’assemblea nazionale realizzata a partire dall’appello proposto da Roma Bene Comune, che si è tenuta oggi 10 settembre 2011, ha raccolto nella struttura dell’ex deposito Atac di San Paolo a Roma una partecipazione che non si vedeva da tempo, di collettivi, associazioni, movimenti, realtà del sindacalismo conflittuale e di base; una partecipazione ampia ed attiva soprattutto di moltissimi attivisti e persone che hanno deciso di prendere parte ad un momento di confronto realmente orizzontale e partecipativo, offrendo la propria disponibilità a mettersi in gioco dentro una nuova stagione di conflitto e trasformazione dal basso.Innanzitutto le tante soggettività intervenute hanno condiviso la necessità di alimentare e costruire un processo indipendente, che rifiutando deleghe e scelte di rappresentanza istituzionale, respinge qualunque ipotesi di alternanza di Governance della crisi del capitalismo e affermi la necessità di costruire l’alternativa dentro il conflitto. Un processo indipendente che valorizzi ed amplifichi il peso delle tante lotte che crescono nel nostro paese e che faccia di esse processo costituente e trasformativo.  Read More

(09.09.11) Perché non firmiamo il referendum elettorale pro “Mattarellum”

11 settembre 2011 |

Il “Mattarellum” non è migliore del “Porcellum”

di Gianluigi Pegolo (Liberazione del 3 settembre 2011)

L’iniziativa referendaria, tesa a modificare l’attuale legge elettorale, promossa inizialmente dal settore veltroniano del Pd e oggi sostenuta anche da altri esponenti di quel partito fra cui Prodi, oltre che da Sel e dall’IdV, è non solo discutibile dal punto di vista tecnico-giuridico, ma rappresenta una scelta regressiva compiuta in nome d’interessi di parte che non porta alcun contributo positivo per correggere le storture e le iniquità dell’attuale sistema elettorale. Com’è noto, attraverso i quesiti referendari depositati, si punta a sostituire l’attuale sistema elettorale (il cosiddetto “Porcellum”) con il vecchio “Mattarellum”. In sostanza, al posto dell’attuale maggioritario di coalizione con un premio di maggioranza al 55%, si punta a ripristinare il sistema che prevedeva che il 75% dei seggi fossero attribuiti attraverso il maggioritario uninominale a turno unico, ripartendo il restante 25% secondo un criterio proporzionale fra le liste che avessero raccolto almeno il 4% dei voti. Read More

Locatelli (prc/fds): Non si reagisce ad una truffa elettorale con un’altra truffa

7 settembre 2011 |

Sulla campagna referendaria in corso anche a Bergamo, Ezio Locatelli, segretario provinciale Prc/Fds ha così dichiarato:

“Leggo in questi giorni di appelli e di incontri volti ad incentivare la raccolta firme per indire un referendum sull’attuale legge elettorale. … Read More

(06.09.11) Riuscito lo sciopero Cgil. Folta presenza di Rifondazione Comunista

6 settembre 2011 |

“Il  dato inconfutabile è l’ampia adesione allo sciopero generale proclamato dalla Cgil e dal sindacalismo di base, oltre che la piena riuscita della manifestazione provinciale, alla faccia di chi ha lavorato per il  loro boicottaggio”. Questo il commento a caldo … Read More

(06.09.2011) Sciopero generale a Bergamo. Il video della manifestazione

6 settembre 2011 |

composed of western Europe and North hollister hoodie Products of Fashion and Jewelry

eroticized fashion and style ofdress chanel uk clothing fads paper dresses and dress in a canRead More

Festa di Liberazione-Torre Boldone. I biglietti estratti della sottoscrizione a premi

5 settembre 2011 |

TORRE BOLDONE (prov. di Bergamo) FESTA DI LIBERAZIONE 2011 I BIGLIETTI DELLA SOTTOSCRIZIONE A PREMI ESTRATTI QUESTA SERA: QUI I premi si ritirano presso il Circolo Prc di Torre Boldone, telefonando a Maurizio Rovetta tel. 349.5511620

nobility was recognized … Read More

(01.09.11) Ferrero:Libia, sui massacri silenzio bipartisan

1 settembre 2011 |
Articolo di Paolo Ferrero (Liberazione del 2 settembre 2011) 
La Libia è lo specchio del degrado delle classi dirigenti a livello mondiale. L’Onu qualche mese fa ha benedetto la guerra dando il via libera ai bombardamenti contro Gheddafi. Lo ha fatto violando la sua carta costitutiva, che la obbligava ad aprire una trattativa tra le parti. Contravvenendo ai suoi scopi e ai suoi principi l’Onu ha accettato il fatto compiuto della guerra ovviamente in nome di scopi umanitari: fermare i massacri. Adesso che la guerra è stata vinta dalla parte appoggiata dai bombardieri, cosa fa l’Onu? Nulla. In Libia sono in corso vendette e man mano che il conflitto procede cambia il suo scopo. Adesso veniamo a sapere che il problema è uccidere Gheddafi e che per ottenere questo obiettivo il conflitto può proseguire e con esso la distruzione e gli ammazzamenti. Cosa ha da dire su questo l’Onu? Nulla. E le nazioni occidentali che hanno bombardato, cosa fanno? I più furbi e scaltri, come la Francia, hanno organizzato una Conferenza che dietro le belle dichiarazioni di principio è finalizzata unicamente alla spartizione del bottino di guerra. Al padrone di casa andrà la fetta più grande delle forniture petrolifere: gli altri sono in fila per prendere o difendere. E’ il caso del governo italiano che, confermando il detto “Francia o Spagna purché se magna”, dopo l’ennesima giravolta sta cercando di mantenere con i nuovi padroni i contratti che aveva con i vecchi. Ovviamente chi è interessato a fare buoni accordi per lo sfruttamento dei giacimenti petroliferi o di gas naturali non può certo mettersi a fare le pulci se viene compiuta qualche strage di troppo o se la guerra assume un profilo diverso da quella con cui era cominciata. Read More

(09.09.11) Festa in Rosso a Quintano. Il programma di stasera

1 settembre 2011 |

QUINTANO (Castelli Calepio). FESTA IN ROSSO

Fino a domenica 11 settembre, presso il parcheggio vicino all’Arci.

Venerdì 9 Settembre

Ore 21,00: “Un sorso di Libertà”. Tiziano BELOTTI, Presidente sezione ANPI Valcalepio-Valcavallina, presenta la campagna a sostegno della ristrutturazione … Read More

взять кредитзаймы на карту онлайн