Image Image Image Image Image Image Image Image Image Image

Partito della Rifondazione Comunista – Bergamo | September 28, 2020

Scroll to top

Top

No Comments

(21.03.20) Seriate-coronavirus. “Chiusura delle attività lavorative non essenziali”. L’Altra Seriate scrive al sindaco

(21.03.20) Seriate-coronavirus. “Chiusura delle attività lavorative non essenziali”. L’Altra Seriate scrive al sindaco

Nemmeno l’ultima ordinanza emessa dalla Regione in queste ore accoglie questa richiesta. Tuttavia ricorda che “resta affidata ai sindaci la valutazione di ampliare ulteriormente le disposizioni restrittive in base alle rispettive esigenze”.

SINISTRA PER UN’ALTRA SERIATE – GRUPPO CONSILIARE

Al Sindaco del Comune di Seriate

Oggetto: blocco delle attività produttive non essenziali

Caro Sindaco,

in questo momento drammatico siamo tutti impegnati, come persone e nei nostri diversi ruoli istituzionali, nel cercare di sconfiggere questo virus che sta mietendo moltissime vittime specialmente tra le persone più deboli.
Come forza di opposizione apprezziamo il suo sforzo in tal senso. Siamo convinti che ogni cittadino/a abbia il dovere di far prevalere il senso di responsabilità verso la comunità nel suo insieme. Siamo altresì fortemente orgogliosi, come seriatesi, dello stupendo lavoro che stanno facendo gli/le operatori/trici del nostro Ospedale Bolognini nel cercare di salvare più persone. Limitare gli spostamenti delle persone diventa fondamentale per fermare il propagarsi del virus.

L’invito a stare a casa, sicuramente importante, non è però sufficiente se ancora troppe persone sono costrette a muoversi per recarsi al lavoro. Le problematiche economiche che un eventuale blocco delle attività produttive comporterebbe sono da tenere in considerazione ma non possono prevalere sulla tutela della salute pubblica.

E’ grave pertanto che il governo e la regione non abbiano bloccato, specialmente in provincia di Bergamo, le attività produttive non essenziali, non ascoltando gli inviti in tal senso provenienti da piu’ parti e anche dai primi cittadini dei Comuni della nostra provincia. Ancora molte fabbriche, anche a Seriate, sono in produzione mettendo così in pericolo la salute di chi vi lavora e il propagarsi del virus.

Con questa lettera mi rivolgo a lei, in qualità di massima autorità sanitaria sul territorio comunale, affinche’ verifichi la possibilita’ concreta, di fronte all’inerzia delle istituzioni superiori, di emanare una ordinanza contingibile e urgente per bloccare l’attività delle fabbriche che non prducono generi essenziali, come già fatto per le attività commerciali e di intrattenimento.
È un invito che le faccio nel massimo spirito di collaborazione che il drammatico momento richiede.

Tutti insieme possiamo uscirne al fine di riprendere il filo della quotidianità delle nostre esistenze e la normale dialettica democratica.

Cordiali saluti. Il Consigliere Comunale, Marco Sironi” (Seriate, 21.03.20)

Submit a Comment


+ tre = 7

взять кредитзаймы на карту онлайн