Image Image Image Image Image Image Image Image Image Image

Partito della Rifondazione Comunista – Bergamo | May 26, 2020

Scroll to top

Top

No Comments

(19.03.20)Emergenza coronavirus a Bergamo e dintorni: basta rimpalli, indugi, perdite di tempo. Zona rossa e cooperazione per uscire dal tunnel.

(19.03.20)Emergenza coronavirus a Bergamo e dintorni: basta rimpalli, indugi, perdite di tempo. Zona rossa e cooperazione per uscire dal tunnel.

Comunicato stampa di Prc/Se Bergamo e provincia

Emergenza coronavirus a Bergamo e dintorni: basta rimpalli, indugi, perdite di tempo. Zona rossa e cooperazione per uscire dal tunnel

Bene che sia rientrata la querelle invereconda a livello regionale che aveva portato alla sospensione della realizzazione di un ospedale da campo a Bergamo da parte dell’ Associazione Nazionale degli Alpini. Oltre al personale cinese presente in Lombardia apprendiamo che il personale medico è in arrivo da diverse parti d’Italia. Inoltre cosa aspettano Regione e Governo a rispondere alla proposta avanzata dall’Ambasciata di Cuba in Italia per una collaborazione con il personale sanitario cubano, superando problemi burocratici e pregiudizi politici fuori luogo?

Dunque basta tiramolla, basta rimpalli vergognosi volti a privilegiare operazioni politiche e di filantropia imprenditoriale più funzionali ai progetti della maggioranza regionale. Una maggioranza regionale di centrodestra che nei decenni di smantellamento e privatizzazione di una quota parte rilevante della sanità pubblica, di chiusura ingiustificata di ospedali pubblici ha già avuto modo di combinare troppi guai. Si riaprano i reparti e gli ospedali pubblici che sono stati improvvidamente chiusi.

Ed ancora, prima che sia del tutto tardi, la regione e il governo raccolgano l’invito del vicepresidente della Croce Rossa cinese Sun Shuopeng presente in Lombardia. L’esponente cinese, a proposito delle misure adottate, dopo aver detto di “misure troppo poco rigorose” ha sostenuto la necessità di “chiudere attività, chiudere tutto, chiudere ogni possibilità di contagio”. Dunque anche su questo siate minimamente coerenti! Basta perdere tempo ed essere costretti ogni giorno a contare centinaia e centinaia di morti. E’ inutile lamentarsi dell’onda montante del contagio – Brescia sta oggi superando le morti di Bergamo – se poi all’atto pratico rimangono aperte gran parte delle attività produttive e lavorative che vanno avanti senza adeguate tutele sanitarie. Una cosa non più tollerabile. E’assurdo prendersela con i podisti senza nulla dire dei reparti produttivi. Siate meno succubi degli interessi padronali. Bergamo e l’intera Lombardia siano dichiarate zona rossa!

Bergamo, 19.03.2020

Francesco Macario
segretario provinciale Prc-Se di Bergamo
Ezio Locatelli
direzione nazionale Prc-Se, già consigliere regionale e deputato

Submit a Comment


× sei = 6

взять кредитзаймы на карту онлайн