Image Image Image Image Image Image Image Image Image Image

Partito della Rifondazione Comunista – Bergamo | September 22, 2019

Scroll to top

Top

No Comments

(21.09.19) Bergamo. “Fai un’altra città”. Festa in Fara

(21.09.19) Bergamo. “Fai un’altra città”. Festa in Fara

Sabato 21 settembre, dalle ore 14.30, presso Fara in Città Alta: giornata di festa e di lotta.

Riappropriamoci degli spazi della nostra città, attraversiamoli con i nostri corpi per prendere posizione alternativa rispetto a chi devasta la città, l’ambiente e il territorio. Riappropriamoci della Fara in Città Alta attraverso musica, socialità e aggregazione, inoltre facciamo nostre queste inderogabili questioni, necessarie per costruire un’altra città.

1 – NO ALL’ AUTOSTRADA BERGAMO TREVIGLIO
2 – UNA VERA GIUSTIZIA CLIMATICA
3 – UN APPROCCIO SOCIALE DI ACCESSIBILITÀ ALLA CITTÀ
4 – UNA MOBILITÀ SOSTENIBILE

* Per aderire vai all’EVENTO

ORE 14.00: Inizio Giornata – Il Parco della Fara è della città e ogni persona può attraversarlo e sentirlo proprio.
BAR E CUCINA APERTI PER TUTTA LA GIORNATA

ORE 14.30: Dj set in vinile: Funk, Cumbia, Reggae
Durante tutta la giornata dallo stand di Noparkingfara partiranno delle visite al cantiere, cosi da conoscere la mostruosità dell’opera.

ORE 17.30: Assemblea pubblica cittadina per organizzare i prossimi passi. Partecipa attivamente per costruire un’altra città

ORE 19.00: Musica Live (in aggiornamento)
Machete Blues

ORE 21.00: Dj set Trash: Le TSO – Trash Socialist Organization

ORE 22.30. Chiusura. Cerca di essere il più possibile Plastic Free, in ogni caso lascia il posto migliore di come l’hai trovato!

———-

ADESIONI (in aggiornamento): Bergamo Migrante Antirazzista – Bergamo in Comune – Barrio Campagnola – Collettivo Studentesco Feruccio dell’Orto – Comitato Principe di Napoli – Comitato No Parking Fara – Comitato di Lotta per la Casa/Bergamo – Comitati Montichiari SOS Terra – C.S.A Paci Paciana – Dalmine Bene Comune – Fridays For Future /Bergamo – Gruppo Italiano Amici della Natura – Kascina Autogestita Popolare – NaturalMente Italia – Partito della Rifondazione Comunista – Propagazione – Sindacato Generale di Base/SGB – Sinistra per un’altra Seriate – Spazio Jurka – Unione Inquilini/Bg

———–

1 – NO ALL’AUTOSTRADA BERGAMO TREVIGLIO
L’opera è stata recentemente riportata al centro dell’agenda politica dal neopresidente del Provincia Gafforelli e dal sindaco Gori. La Bergamo-Treviglio ha trovato il sostegno sia del centrodestra che del centrosinistra oltre che di Confindustria, del sistema bancario e di tutti i sindaci dei comuni attraversati da questa mostruosità.
L’interesse economico appiattisce le differenze politiche, ma apre lo scontro su chi deve guadagnarci di più. Di certo non ci guadagneranno i cittadini. Sono palesi le illusioni diffuse sul presunto alleggerimento del traffico, sulla maggiore velocità di percorrenza, sui costi dei pedaggi e sull’uscita dall’isolamento della Grande Bergamo. Invece noi pensiamo che ci sarà solo una devastazione ambientale irreversibile: sia per le condizioni di inquinamento atmosferico, sia per le coltivazioni agricole, sia per ecosostenibilità complessiva del territorio, sia per il modello economico neoliberista e predatorio a cui allude.

2 – UNA VERA GIUSTIZIA CLIMATICA
L’attuale modello di sviluppo sociale ed economico non è più sostenibile, è necessario imporre una diversa organizzazione del nostro modo di vivere insieme. Dobbiamo perseguire una reale giustizia climatica, in grado di individuare i responsabili delle devastazioni ambientali e tutelare chi è obbligato a pagarne i costi. Le soluzioni alla green economy appaiono come semplici palliativi, ed è evidente la doppiezza dei governi o delle grandi aziende che – appellandosi a fantomatiche svolte ambientaliste – tentano di celare alla popolazione le proprie responsabilità. L’emergenza climatica va subito riconosciuta, e immediatamente serve uno cambiamento sociale ed ecologico.

3- UN APPROCCIO SOCIALE DI ACCESSIBILITÀ ALLA CITTÀ
Le trasformazioni delle aree urbane sono lente e poco percettibili, ma se si presta attenzione si coglie come sempre più si stia concretizzando una città più esclusiva ed escludente.
Città Alta e l’aeroporto di Orio al Serio sono due situazioni paradigmatiche. Città Alta è diventata un luogo simile a un luna park, in cui si sono avviati progetti pericolosi ed assurdi quali il parcheggio alla Fara; Orio al Serio ha portato a Bergamo il turista mordi e distruggi, ma anche un notevole inquinamento dell’aria e sonoro. Sempre meno sono i luoghi in cui i cittadini si possono ritrovare a discutere, sempre più sono i luoghi messi al servizio di un profitto economico privato e delle forze che attuano la predazione del territorio a discapito dei diritti all’;abitare, agli spazi e ai beni comuni, a un lavoro e un reddito dignitoso, alla cultura e alla socialità. In questo contesto di rilevante valore diventata la pratica della riappropriazione dei luoghi, degli spazi e degli edifici presenti nel territorio.

4- UNA MOBILITÀ SOSTENIBILE
Spostarsi nella Bergamasca è diventato sempre più complicato e non sostenibile, e la classe dirigente locale non sembra in grado di proporre delle reali soluzioni. Il tema della mobilità non può essere affrontato solo da un punto di vista dell’attivazione di investimenti pubblici e degli appetiti per accaparrarseli. L’attenzione deve essere dedicata invece alle persone che sul territorio si devono spostare e che poi sono anche coloro che di fatto si accollano i costi sociali e ambientali delle scelte legate alle grandi infrastrutture che non risolvono i loro problemi. Riconsiderare la mobilità su ferro e quella collettiva, abbandonare la progettazione della Bergamo-Treviglio, ripensare realmente il ruolo dei mezzi a impatto zero e creare un reale trasporto pubblico sostenibile, efficiente e a basso costo sono le scelte alla base di una reale politica di cambiamento in tutto il territorio e per realizzare un’altra città.

 

Submit a Comment


uno × 6 =

взять кредитзаймы на карту онлайн