Image Image Image Image Image Image Image Image Image Image

Partito della Rifondazione Comunista – Bergamo | November 17, 2018

Scroll to top

Top

No Comments

(24.09.18) Decreto Salvini. Immigrazione e sicurezza

(24.09.18) Decreto Salvini. Immigrazione e sicurezza

Nota a cura di “Centro sociale ex canapificio di Caserta”

“Un po’ di chiarezza sul decreto approvato dal Consiglio dei Ministri stamattina su immigrazione e sicurezza .

L’EQUAZIONE DI SALVINI

Il ministro dice di voler combattere irregolarità, di voler favorire chi si pone nella legalità e nei percorsi di Inclusione sociale. Ma nello specifico, cosa propone il suo Decreto che stamattina verrà approvato, con il beneplacito dei 5 Stelle, nella parte che riguarda l’immigrazione?
1. Scompare il permesso di soggiorno per Motivi umanitari. Immaginate di essere arrivati in Italia e di aver avuto accesso a questo tipo di permesso di soggiorno, che vi da diritto a pagare le tasse, lavorare, stipulare regolare contratto di affitto. Magari avete questo tipo di permesso di soggiorno da svariati anni. Improvvisamente, il tipo di documento che avete non sarà più valido. Alla sua scadenza, cosa andrete a rinnovare?
Il decreto di Salvini, che dice di essere per l’immigrazione regolare, creerà una miriade di clandestini, di irregolari.
2. In Italia ci sono due canali di accoglienza: uno è quello dei Centri di accoglienza straordinaria (CAS), coordinati dalle Prefetture senza il coinvolgimento dei comuni. I meccanismi di rendicontazione delle spese sono insufficienti, e tutti gli scandali che hanno coinvolto albergatori e cooperative vengono da qui. Poi c’è lo SPRAR: il progetto viene proposto dai Comuni, con rendicontazione precisa, senza scandali e con reali percorsi di integrazione. Salvini dice di voler combattere il business dell’accoglienza. Quale, tra i CAS e gli SPRAR, secondo voi cancellerà? Gli SPRAR ovviamente! Col suo Decreto, chi ha fatto richiesta di asilo passerà nell’accoglienza dei CAS, mentre chi aveva il permesso di soggiorno per Motivi Umanitari esce dai percorsi di accoglienza. “E dove va?” vi chiederete. Bella domanda. Perché le espulsioni non si possono fare senza accordi bilaterali coi Paesi di origine. Quindi, letteralmente, o si diventa così disumani da buttarli a mare come si faceva nelle dittature argentine, oppure semplicemente aumenterà il numero di irregolari per strada.
ATTENZIONE. LA SITUAZIONE E’ MOLTO PERICOLOSA.
Qual è l’equazione di Salvini?
+ SPRAR + Motivi Umanitari =
+ inclusione
– conflitti sociali
– insicurezza

– SPRAR – Motivi Umanitari =
+ irregolarità
+ emarginazione
+ esasperazione

Laddove cresce l’insicurezza, cresce anche la Lega di Salvini. E quando la disperazione di persone che si vedono chiudere tutti i canali di regolarizzazione ed ogni prospettiva di vita migliore, le porterà ad atti di esasperazione, Salvini sarà pronto a chiedere “+ potere” per sé, di avere “la mano libera”, che userà anche contro quelle organizzazione di italiani che in questi anni hanno rappresentato un freno contro l’oppressione sui poveri della società. Esempio su tutti: la stretta sugli sgomberi. Per il Ministro Salvini chi ha occupato un immobile vuoto per dare un tetto alla sua famiglia va semplicemente buttato fuori. Il diritto degli uomini contro il diritto della proprietà di avere per sé l’immobile vuoto. Questo è solo un assaggio.

Centro sociale ex canapificio Caserta”

Submit a Comment


− 5 = tre

взять кредитзаймы на карту онлайн