Image Image Image Image Image Image Image Image Image Image

Partito della Rifondazione Comunista – Bergamo | November 25, 2017

Scroll to top

Top

No Comments

(24.10.17) Bergamo. PRESIDIO CONTRO LA NUOVA LEGGE ELETTORALE

(24.10.17) Bergamo. PRESIDIO CONTRO LA NUOVA LEGGE ELETTORALE

MARTEDI 24 OTTOBRE h.17,30- DAVANTI ALLA PREFETTURA DI BERGAMO (VIA TASSO)

CON L’ IMPOSIZIONE DA PARTE DEL GOVERNO DEL VOTO DI FIDUCIA SULLA LEGGE  ELETTORALE  SI RIPETE UN ATTO GRAVISSIMO, I CUI UNICI PRECEDENTI SONO:  MUSSOLINI NEL 1923, LA “LEGGE TRUFFA”  NEL 1954  E RENZI NEL GOVERNO PRECEDENTE.

La legge elettorale è la più importante tra le leggi democratiche, perché con essa i cittadini eleggono i propri rappresentanti in Parlamento.

Ma il Parlamento non ha potuto discuterla o proporre alcuna modifica, perché il governo ha blindato la legge imponendo la fiducia, sigillando il testo, impedendo qualunque modifica e subordinando dunque la legge elettorale alla volontà ed alla supremazia del governo sul Parlamento.

Approvare la legge elettorale, a pochi mesi dalle elezioni, con il voto di fiducia è un atto politicamente grave ed inaccettabile, ed è contrario alla lettera e allo spirito dell’articolo 72 della Costituzione che esige il ricorso alla procedura normale per approvare le leggi elettorali.

LA FIDUCIA VIENE IMPOSTA PER FAR PASSARE UNA LEGGE CHE VUOLE  FAVORIRE  IL PARTITO DEMOCRATICO  E  IL SUO PROGETTO DI ALLEANZE;  CON FORTI  CARATTERI DI INCOSTITUZIONALITA’, COME FU PER IL “PORCELLUM”, RIGETTATO A SUO TEMPO DALLA CORTE COSTITUZIONALE.

Il governo espropria   i cittadini della libertà di scegliere i propri rappresentanti nel Parlamento, calpestando i principi di rappresentanza e di partecipazione attiva sanciti dalla Costituzione.

Il testo della legge, che mette insieme due sistemi diversi e opposti- quello uninominale maggioritario e quello proporzionale- è incomprensibile, tanto da aver bisogno di “istruzioni” stampate sul retro della scheda. L’elettore non saprà a chi andrà il suo voto a causa del meccanismo che lega i due sistemi, e non potrà esprimere la propria preferenza, perché le liste dei candidati sono bloccate. I “nominati”, continueranno a prosperare per i due terzi o addirittura per il cento per cento, poiché anche i candidati nei collegi uninominali saranno necessariamente indicati dai partiti.

Libertà e Giustizia-Circolo di Bergamo;  Comitato Difesa Attuazione Costituzione Treviglio e Dintorni; ANPI Provinciale Bergamo; Articolo Uno-MDP Bergamo; Comitato “Stefano Rodotà” Possibile- Bergamo;  L’Altra Europa con Tsipras;  Partito della Rifondazione Comunista, Bergamo;  Sinistra Italiana, Bergamo; 

Submit a Comment


3 + sei =

взять кредитзаймы на карту онлайн