Image Image Image Image Image Image Image Image Image Image

Partito della Rifondazione Comunista – Bergamo | November 25, 2017

Scroll to top

Top

No Comments

Referendum trivelle 17 aprile: si vota per un futuro energetico diverso.

Referendum trivelle 17 aprile: si vota per un futuro energetico diverso.

 di Damiano Di Simine.

17 aprile 2016: è vicinissima la data della consultazione referendaria in merito all’unica norma superstite dell’articolo in materia di esplorazioni petrolifere del famigerato decreto sblocca-Italia: quella che riguarda la proroga dei titoli rilasciati per le trivellazioni in mare ‘per la durata di vita utile del giacimento, nel rispetto degli standard di sicurezza e salvaguardia ambientale’. In pratica, si tratta di un articolo che fa un enorme favore ai concessionari di pozzi petroliferi a mare, prorogando sine die le concessioni in essere: anzichè estinguersi alla scadenza, infatti, la concessione resterà aperta finchè ci saranno idrocarburi da pompare. In questo modo i concessionari avranno agio di gestire nel modo per loro più conveniente il giacimento, ad esempio fermandone lo sfruttamento per riattivarlo quando i prezzi del greggio tornassero ad alzarsi. Prolungando in questo modo le minacce agli ambienti marini. La Corte Costituzionale ha infatti dichiarato ammissibile solo questo quesito, anche se a dire il vero è tuttora aperta la questione di altri due quesiti pendenti per conflitto di attribuzione dinanzi alla suprema Corte. Se questa li ammettesse, gli italiani sarebbero chiamati di nuovo alle urne sullo stesso argomento: una situazione davvero paradossale, in cui alla difesa ad oltranza delle compagnie petrolifere da parte del governo Renzi si somma il tentativo di svuotamento dell’istituto referendario. E’ chiara infatti la testarda volontà da parte del Governo e delle lobby petrolifere di alimentare un disorientamento dell’elettorato, puntando su un risultato di bassa partecipazione al voto che verrebbe poi usato come argomento per mantenere in campo gli interessi dei petrolieri. Invano Legambiente aveva chiesto al Governo e al Capo dello Stato di stabilire un ‘election day’, coincidente con la data delle elezioni amministrative: è chiaro che il Governo vuole imporre l’agenda energetica delle lobby fossili, confidando su una bassa partecipazione al voto.
Proprio questo, contrastare la volontà di svuotare gli strumenti di democrazia diretta, è uno degli ottimi motivi per attivarsi in una campagna referendaria che punti a superare il quorum e a vedere il trionfo del sì: ad essere in gioco infatti non sono solo i contenuti specifici del quesito referendario, la consultazione servirà a imporre una diversa agenda energetica per il nostro Paese, accelerando la strategia di uscita dalle fonti fossili e, di conseguenza, scegliendo di puntare su rinnovabili ed efficienza per mettere in pratica gli accordi raggiunti alla Conferenza di Parigi dello scorso dicembre. I prossimi mesi saranno di intenso lavoro  per le reti, le associazioni, i movimenti e le forze politiche che vorranno scrivere un’altra storia energetica. Si tratterà di spiegare che il referendum è, certo, per proteggere il mare, le spiagge, le coste dagli inquinamenti e dai rischi di grave sversamento per incidenti, come quello che nel 2010 provocò la morte di 11 persone e la grave devastazione del mare e delle coste del Golfo del Messico. Ma soprattutto è una chiamata popolare per far sapere al Governo che un diverso futuro energetico è possibile e concreto, che l’Italia può e deve mettersi alla guida dei Paesi decisi a lasciarsi alle spalle l’economia fossile, per fermare la febbre del pianeta e utilizzare al meglio le risorse energetiche rinnovabili di cui dispone, a partire dal sole. Certo non mancheranno le voci che ci diranno che difendendo i pozzi in mare si difendono anche i relativi posti di lavoro, e ci si assicura un pezzo (per quanto del tutto trascurabile, in rapporto ai consumi primari) di autonomia energetica. Ma dobbiamo essere consapevoli che la transizione verso l’energia pulita garantisce non solo un ambiente migliore e meno esposto al rischio della degenerazione climatica, ma anche un formidabile contributo allo sviluppo dell’economia e dell’occupazione: lo abbiamo già visto e toccato con mano, negli anni recenti in cui la spinta all’installazione di una notevole potenza fotovoltaico è stata la scintilla che ha fatto nascere imprese e posti di lavoro in grandissima quantità. La mobilitazione per il referendum sulle trivelle deve dunque essere capillare ed efficace, perchè sarà anche l’esito di questo referendum a definire le sorti energetiche del Paese del Sole, a stabilire la tabella di marcia verso un’Italia libera da petrolio e altre fonti energetiche fossili.

Volantino PRC: Fronte   Retro

Submit a Comment


uno × = 5

взять кредитзаймы на карту онлайн