Image Image Image Image Image Image Image Image Image Image

Partito della Rifondazione Comunista – Bergamo | October 15, 2018

Scroll to top

Top

(28.03.12) Bagnatica. Il Prc a sostegno dei lavoratori Novem

Sconcertante l’atteggiamento dei vertici aziendali della Novem

La decisione dei vertici aziendali di non consentire l’assemblea del 26 marzo all’interno dell’azienda è stata una decisione presa ai danni delle lavoratrici e dei lavoratori, delle organizzazioni sindacali unitarie CGIL, CISL e UIL e delle forze politiche e istituzionale invitate a partecipare. Infatti all’assemblea che si è comunque tenuta davanti all’azienda erano presenti i sindaci, i parlamentari, i rappresentanti della regione e della provincia.

Sconcerta l’arroganza dimostrata dall’azienda e raramente vista nelle vertenze delle crisi aziendali. La chiusura della fabbrica ha negato lo svolgimento della assemblea aperta nei locali aziendali e la possibilità del sereno approfondimento che occorre per trovare soluzioni e chiarire gli impegni concreti da parte di tutti i presenti per dare risposte positive alle richieste delle lavoratrici e dei lavoratori.

Un fatto inaudito e antidemocratico e che si colloca nel contesto dei durissimi conflitti sindacali e sociali in corso in tutta Italia.

L’iniziativa della multinazionale Novem dimostra disinteresse relativamente a quando può emergere attraverso iniziative finalizzate alla salvaguardia dei posti di lavoro.

Le trattativa in corso fra Novem e sindacati deve subito e in breve tempo chiarire le reali intenzioni della azienda. Che non può essere: prima riduco la forza poi chiudo, mettendo sul lastrico 300 famiglie.

La multinazionale ha produzioni e processi produttivi innovativi di qualità, sta sui mercati nazionali e internazionali, ha un capitale di conoscenza e professione delle maestranze costate anni di impegno e sacrificio per lavoratrici e lavoratori.

Le motivazioni della Novem vanno respinte con forza dai lavoratori, dalle forze politiche e democratiche e dai sindacati perché sono strumentali. Infatti dire: i costi di produzione sono alti e vado all’estero perché la mano d’opera costa meno e ho più vantaggi e profitti, significa una cosa sola, mandare al macero una realtà produttiva importante della nostra provincia Bergamasca. Una realtà provinciale che ha già visto progressivamente ridurre la base produttiva in questi anni di circa 12.000 posti di lavoro.

D’altro canto troviamo curioso che i cantori della libertà liberista di impresa, della libertà dei padroni di ricercare il massimo profitto siano venuti ora in processione davanti ai cancelli della Novem a dare la loro solidarietà ai lavoratori che sono le vittime dirette di questa impostazione ideologica e politica.

E che dire poi della Lega che quando stava al governo della Lombardia per anni ha favorito con leggi e contribuzioni alla delocalizzazione delle aziende e, solo recentemente, ha cancellato le leggi che le favorivano. Per non parlare del tentativo che ha appoggiato in passato del governo Berlusconi-Bossi di cancellare l’articolo 18, che oggi l’onorevole Stucchi davanti alla Novem difende.

Rifondazione Comunista di Bergamo ha sempre criticato la libertà di impresa sganciata da ogni responsabilità sociale e difeso l’articolo 18, coerentemente quindi resterà al fianco delle lavoratrici e dei lavoratori in tutte le future mobilitazioni.

Auspichiamo altresì che le altre forze politiche democratiche presenti assieme a noi confermino gli impegni presi nel respingere i licenziamenti e l’arroganza della multinazionale Novem.

Rifondazione Comunista ritiene che non si debba perdere tempo.

E’ necessario che la trattativa fra le parti (direzione aziendale, RSU e le organizzazioni sindacali) si avvii da subito alla soluzione positiva per le lavoratrici e i lavoratori e che eventuali proposte della Novem debbano essere sottoposte alle verifiche e all’adesione dei lavoratori.

Rifondazione Comunista seguirà costantemente l’evolversi della trattativa a fianco delle lavoratrici e dei lavoratori e le lotte che svilupperanno. (Rifondazione Comunista / Federazione della Sinistra Circoli di Seriate e della Valcavallina, Federazione provinciale di Bergamo)

products are produced in Europe 80
louis vuitton purses
Top 10 Worst Superhero and Villain Costumes

All the girls bought wine
woolrich outletTips for Raw Hair Dye in Candy Pink
взять кредитзаймы на карту онлайн