Image Image Image Image Image Image Image Image Image Image

Partito della Rifondazione Comunista – Bergamo | July 19, 2018

Scroll to top

Top

(08.02.12) Aeroporto. INCONTRO COMMISSIONE AMBIENTE PROVINCIA-SACBO

* Comunicato di Paolo d’Amico, consigliere provinciale Sinistra per Bergamo (Prc, Pdci, Sd)

Un consistente impegno per l’ulteriore sviluppo dell’aeroporto di Orio al Serio, fondato sull’allungamento della struttura verso Bergamo, sull’incremento della superficie commerciale, sulla realizzazione di nuovi parcheggi low cost, sul rifacimento della pista. Sono le nuove “sfide” che Sacbo, nella figura del direttore generale Andrea Mentasti, ha comunicato nell’incontro di questa mattina (8 c.m.) con la Commissione Ambiente e Territorio della Provincia di Bergamo.

Ciò che più ha impressionato i commissari è la dichiarazione del dirigente Sacbo relativamente al limite del numero annuo di voli contemplato nella Via del 2003: secondo Mentasti non esiste nessun limite, nel Business plan del 2003 viene indicato un ipotetico traffico annuale per nulla vincolante. L’aeroporto è come un’autostrada, non c’è un confine al numero di vettori che possono fruirne.

La comunicazione del dott. Mentasti ha suscitato preoccupazione e dissenso da parte di Sinistra per Bergamo. La dirigenza Sacbo, pur avendo ribadito l’impegno ad attuare le opere di mitigazione concordate nei mesi scorsi con le Amministrazioni comunali su cui si proietta l’attività aeroportuale, ha nella sostanza confermato la volontà di produrre un ulteriore sviluppo dell’aeroporto. La prospettiva delineata determinerebbe dunque un ancora più intenso impatto ambientale sul territorio circostante e rischio per la salute dei cittadini.

Sinistra per Bergamo ritiene, al contrario, che debba essere programmato un graduale contenimento del traffico aereo attuale, ridimensionando lo scalo dirottando parte dei transiti a Montichiari. Le dimensioni assunte dalla struttura sono infatti ormai incompatibili con il contesto antropico.

Nessuno pretende di dismettere senza programmazione le attività aeroportuali. Non è però nemmeno pensabile ribadire la tendenza ormai decennale fondata sull’incremento dei volumi di traffico, sull’aumento esponenziale del numero di passeggeri, sul consumo del residuo territorio circostante non ancora urbanizzato. Accontentandosi poi, prodotto il danno, di mettere qualche pezza con le opere di “mitigazione”.

Compito delle istituzioni è garantire la qualità della vita degli abitanti e, in secondo luogo, assecondare lo sviluppo di Orio. Finora si è fatto esattamente il contrario.

Noi siamo con i cittadini, con le associazioni ambientaliste e con i sindaci di Orio al Serio, Seriate, Azzano San Paolo, Bagnatica, Brusaporto, Grassobbio, Cavernago, Levate, Stezzano, Treviolo e Zanica che in queste ore manifestano il loro dissenso allo sviluppo incontrollato dell’aeroporto di Orio. (08.02.12. Paolo D’Amico consigliere provinciale Sinistra per Bergamo – Prc,Pdci,Sd)

colors and prints that flatter curves and add a touch of maturity
wandtatoo What happens when a commercial loan is called

how in order to court trendy styles
wandtattooTiny Baby Bump Shows at NYC Fashion Week Event
взять кредитзаймы на карту онлайн