Image Image Image Image Image Image Image Image Image Image

Partito della Rifondazione Comunista – Bergamo | December 16, 2017

Scroll to top

Top

(28.01.12) La lotta contro la TAV in Val Susa non è un problema di “Ordine pubblico” (volantino)

La politica dei trasporti del governo Monti è in continuità al governo Berlusconi

Dopo la militarizzazione della Val Susa si è deciso di criminalizzare ogni forma di resistenza alla distruzione di un territorio e alla realizzazione di un’opera inutile, distruttiva e dissipativa

Gli arresti di giovedì scorso sono l’ennesimo tentativo di dividere e delegittimare il movimento NO TAV.

Gli interessi dei pendolari e della gente comune che viaggia sui trasporti pubblici locali, coincidono con quelli della popolazione della Val Susa, che lottano in difesa del proprio territorio. Uniamo queste lotte per rivendicare la difesa e il miglioramento di Beni comuni fondamentali: TRASPORTI E TERRITORIO.

In Italia, circa il 90% degli utenti dei servizi ferroviari viaggiano su tratte brevi o brevissime. Costretti a viaggiare su treni sporchi, privi di manutenzione, quasi sempre in ritardo o soppressi.

In un contesto dove già oltre il 70% delle risorse economiche pubbliche viene destinato a strade ed autostrade, le Ferrovie hanno impiegano il 95% degli investimenti per l’ Alta Velocità, un servizio rivolto solo al 5 % dei passeggeri.

Rifondazione Comunista rilancia una mobilitazione di massa, politica, pacifica:

A fianco del Movimento NO TAV.

A fianco dei ferrovieri che stanno perdendo il diritto al Contratto Nazionale di Lavoro.

A fianco dei lavoratori dei Wagon Lits che stanno perdendo il posto di lavoro.

Partito della Rifondazione Comunista- Federazione della Sinistra / Circoli di Bergamo

SCARICA E DIFFONDI IL VOLANTINO: QUI

The pattern maker then produces what the image is
burberry schal Different things should be avoided for natural hair growth

how you can make unique hobo designer purse
louis vuitton purses
The Luxury Of A Cashmere Scarf
взять кредитзаймы на карту онлайн