Image Image Image Image Image Image Image Image Image Image

Partito della Rifondazione Comunista – Bergamo | October 21, 2017

Scroll to top

Top

(25.09.11) Sintesi intervento di E. Locatelli al Cpn

Sintesi intervento di Ezio Locatelli al Comitato politico Nazionale Prc/Fds (Roma, 25.9.2011)

“Pur rifuggendo da qualsiasi semplificazione o banalizzazione in questo momento più che fare esegesi dobbiamo guardare al senso dei documenti congressuali che sono in discussione. Quello illustrato da Ferrero mi sembra sufficientemente chiaro, per quanto mi riguarda sottoscrivibile anche per lo sforzo che vedo nel documento di andare a delineare una base unitaria di ragionamento. Questo non significa rinunciare ad alcune osservazioni la prima della quale è sul carattere ambivalente della crisi che stiamo attraversando. Noi facciamo bene ad avere un approccio dialettico quando diciamo di una crisi che oltre a rappresentare un pericolo – il capitalismo che entra in una fase di distruttività radicale di lavoro, ambiente, democrazia, diritti – rappresenta anche un’opportunità nel senso di una riapertura di spazi per l’iniziativa della sinistra. Condivido in linea di principio. Il problema è che i due elementi non stanno per niente in equilibrio. Non ce la possiamo nemmeno cavare col dire che il capitalismo è entrato in una fase di crisi epocale, irreversibile. Su questo punto ho ascoltato l’intervento di Lidia Menapace che sottoscrivo. Il punto però è che in assenza di un’alternativa politica e di società, questo capitalismo rischia – per rifarmi a un titolo del libro di Ruffolo – di avere i secoli contati il che ci deve portare a rifuggire da qualsiasi forma di attendismo.

Tornando a noi, dobbiamo essere consapevoli che come sinistra, come comunisti continuiamo a essere sfavoriti, a vivere condizioni di forte difficoltà pure in una fase di crisi sociale e politica, di sommovimenti, di forte propensione alla protesa sociale. Allo stato attuale ciò che rimane in campo, di là della crisi sociale e politica che stiamo vivendo, è la forza egemonica dei gruppi dominanti impegnati anch’essi a capitalizzare il clima di protesta sociale che c’è nel Paese. Protesta la Confindustria che sfila con gli imprenditori, protestano le componenti moderate del centrosinistra che non trovano di meglio che riproporre una legge elettorale truffa, protesta la Lega che rispolvera i toni secessionistici. Rimane, nonostante tutto, una fortissima assimetria di poteri e di possibilità in campo che è il vero problema di fondo con cui il Congresso dovrà misurarsi. Sin d’ora dobbiamo sapere che non ci sono risposte componibili, esaustive se non intervenendo nella realtà della lotta politica e dello scontro sociale.

Non mi sembra che oggi ci siano margini di agibilità per una proposta basata su un’alleanza di governo. Il senso di un recente intervento di Bertinotti mi sembra proprio questo quando si dice che bisogna “rompere il recinto politico” di una politica sempre più omologata ed escludente al tempo stesso, che l’unica chance per il cambiamento può venire dal “vento della rivolta”. Su questo fatto nuovo dobbiamo investire a partire dalla riuscita della manifestazione del 15 ottobre.

Detto ciò si tratta di lavorare sul terreno dell’unità delle forze di sinistra. Ma anche su questo punto – l’unità della sinistra – bisogna tener conto di un basilare principio di realtà. Non c’è unità che possa risolversi in operazioni politicistiche che stanno sulla carta. L’unità o trova fondamento in un processo di ricomposizione sociale oppure il rischio è di portare avanti operazioni nominalistiche, immaginarie del tutto incapaci di ingenerare un’aspettativa di cambiamento.

Chiudo col dire: cerchiamo di fare un Congresso davvero unitario, di ragionamento, di rimotivazione del corpo del partito perché questa è la domanda politica. Facciamo una discussione che non proceda in modo separato rispetto all’esigenza di mobilitazione di tutte le forze che abbiamo contro l’offensiva antisociale e antidemocratica che è in atto”.

and do whatever the brass told them to do
woolrich outlet Jessica Simpson shows off pregnancy curves and puts Weight Watchers on hold

All are round briolette cuts in bezel settings
louis vuitton bagsArrivals at the Ovarian Cancer Research Fund
взять кредитзаймы на карту онлайн