(15-24.08.14) Torre Boldone (bg) FESTA IN ROSSO DI LIBERAZIONE 2014. Il programma

CONTINUA la FESTA IN ROSSO DI LIBERAZIONE – TORRE BOLDONE (BG) – 15 – 24 AGOSTO 2014

area feste presso impianti sportivi di Viale Lombardia

 

Tutte le sere: SERVIZIO RISTORANTE – PIZZERIA – PIADINERIA – BAR – SPAZIO COCKTAIL – LIBRERIA – SPAZIO ASSOCIAZIONI POLITICO-CULTURALI

VOLANTINO: QUI

 

MERCOLEDI 20 AGOSTO

Spazio dibattiti, ore 18.00: La solitudine del popolo palestinese: il genocidio di Gaza”. Dibattito e presentazione campagna raccolta medicinali, apertura “infopoint Gaza”

Con Kutaiba Younis (Fronte Palestina di Torino). Coordina: Edda Adiansi (Rifondazione Comunista Torre Boldone)

Palco centrale, ore 21.00: Spettacolo di BURATTINI con BURATTINI BREMBANI

**** L’incontro previsto per stasera alle ore 21.00 con Checchino Antonini (Acad) e Nicoletta Dosio  (No Tav) è rimandato a data da destinarsi

 

GIOVEDI 21 AGOSTO

Palco centrale, ore21.00: “VINO SFUSO” – rock d’autore

Spazio dibattiti, ore 21.00: Ritorno al futuro: nuove forme di mutualismo contro la crisi economica e le politiche di austerità e per un’economia solidale”

Con: Alessandra Gabriele (Gruppo Acquisto Solidale Borgo Palazzo Bergamo), Laura Norbis (Rete Bergamasca GAS), Andrea Viani (Gruppo di Acquisto Popolare Lodi), Vincenzo Vasciaveo (GAS Milano, animatore progetto “Rimaflow”). Coordinano: Francesca Forno (docente di scienze umane e sociale UniBg), Fabio Cochis (Rifondazione Comunista Bergamo)

VENERDI 22 AGOSTO

Palco centrale, ore 21:SUNDCAKE” – psychedelic rock

Spazio dibattiti, ore 21.00: “Para Todos Todo, nada para nosotros” – Racconti e testimonianze per conoscere il Chiapas e l’EZLN a 20 anni dall’insurrezione. Interverranno: Annamaria Pontoglio (Comitato “Maribel” Bergamo), Alfio Nicotra (giornalista, Rifondazione Comunista, Anna Pelosi (alunna dell’Escuela zapatista). Coordina: Gianpiero Bonvicino (Rifondazione Comunista Valli Brembana e Imagna). Durante l’iniziativa verrà esposta una mostra fotografica cura di Anna Pelosi

SABATO 23 AGOSTO

Palco centrale ore 21.00: TARA DEGL’INNOCENTI & THE ROSE – tributo a Janis Joplin da Firenze

Spazio dibattiti, ore 21.00: “Bergamo dopo le elezioni: cambio di marcia o cambio di direzione”. Interverranno: Rocco Gargano (candidato sindaco per la lista L’altraBergamo), un esponente di Sel Bergamo, un esponente del PD Bergamo, un esponente della Lista Bruni. Coordina: Francesco Macario (segretario Provinciale Rifondazione Comunista Bergamo)

DOMENICA 24 AGOSTO

Ore 12.15: Pranzo sociale. Menù completo a 15 euro con prenotazione

Palco centrale, ore 21.00: “BLUE BAND” – liscio

Spazio dibattiti, ore 19.30: Presentazione dei  libri “Mal di lavoro” e “Il pane e la morte” (ed. Sensibili alle foglie). Cfr. scheda: QUI. Interverranno alcuni dei partecipanti al cantiere di ricerca e l’autore Renato Curcio

Palco centrale, ore 21.00: comizio conclusivo di Ezio Locatelli, direzione nazionale Partito della Rifondazione Comunista

Tutte le sere presso la festa al banchetto d’ingresso:

* Iscrizione al Partito della Rifondazione Comunista, ai Giovani Comunisti

* Iscrizione alla mail-list Prc-Bergamo

Materiali e informazioni sull’attività e le iniziative di Rifondazione Comunista, dei Giovani Comunisti e “L’Altra Europa con Tsipras”

  • Firma i 4 referendum “Stop Austerity”

  • Comune di Torre Boldone: Firma per fermare il Piano Attuativo Piazza del Bersagliere

Per info e comunicazioni: tel. 3495120487 (Giudi) e tel. 3495511620 (Maurizio) – Facebook – eventi


(18.08.14) Torre Boldone. Il sindaco (Lega) non gradisce Renato Curcio alla nostra festa e così la stampa finalmente parla di noi

Anche quest’anno la Festa in Rosso di Torre Boldone si sta qualificando come una delle feste estive più partecipate, grazie anche alla buona qualità dei servizi e ai prezzi popolari, che siamo riusciti anche quest’anno a mantenere invariati.

Finalmente quest’oggi anche la stampa bergamasca si è decisa a parlare della nostra manifestazione (per esempio, L’Eco di Bergamo: qui)  e di questo dobbiamo ringraziare Claudio Sessa, il sindaco leghista di Torre Boldone, che – per mettersi in mostra un’altra volta dopo le sue prese di posizioni xenofobe contro i profughi – ha pensato bene di intervenire contro la presenza di Renato Curcio che, in qualità di sociologo, ricercatore ed editore interverrà alla nostra festa domenica 24 agosto per presentare due libri dedicati alle (drammatiche!) problematiche del lavoro nel nostro Paese.

I giornali non sono mancati di uscire quest’oggi con un titolo “alla Feltri” in cui – riprendendo Sessa – Curcio viene paragonato a Schettino.

Però, sia Sessa che la stampa dimenticano che Curcio, sempre in qualità di ricercatore, è intervenuto più volte in bergamasca in iniziative pubbliche anche in comuni amministrati dalla Lega e che in più occasioni è stato inviatato da associazioni cattoliche per i suoi contributi qualificati sui temi del lavoro e del disagio sociale, senza che nessuno avesse qualcosa da ridire.

Di seguito il comunicato dell’Ufficio stampa della Federazione di Bergamo.

Abbiamo avuto notizia di prese di posizioni polemiche sulla stampa in relazione alla presenza di Renato Curcio alla Festa in Rosso di Rifondazione Comunista a Torre Boldone (bg).

Precisiamo innanzitutto che il dottor Curcio “non concluderà la festa” – come è stato erroneamente riportato da alcuni media – ma presenterà due libri sui temi del lavoro da lui curati. ( di seguito ne riportiamo la scheda) Le festa sarà conclusa invece domenica 24 agosto dal comizio di Ezio Locatelli della direzione nazionale di Rifondazione Comunista

Renato Curcio non interverrà per parlare del suo passato o di lotta armata.

Come è noto, Curcio, chiusa la sua partita con la giustizia, da anni svolge attività di ricerca sociologica ed è responsabile della casa editrice “Sensibili alle foglie”. Come ricercatore e studioso è conosciuto e apprezzato a livello europeo.

A Bergamo già è stato presente in diversi convegni qualificati e iniziative culturali, invitato da associazioni e istituzioni impegnate sui temi del lavoro e dell’esclusione sociale.

Negli anni scorsi, per esempio, è intervenuto in almeno tre diversi convegni che si sono svolti alla Casa del Giovane di Bergamo.

Ha presentato libri e tenuto seminari, inoltre, a Seriate e a Ponteranica, quando i due comuni erano guidati da amministrazioni leghiste.

Crediamo che questo sia più che sufficiente per mostrare come la polemica ferragostana che si intende imbastire contro la nostra festa sia obiettivamente del tutto strumentale, pretestuosa e fuori tempo massimo.”

La Festa continua fino a domenica 24. Stasera in programma uno spettacolo sulle donne nella Resistenza con “Colpo d’Elfo” e il dibattito sul tema del carcere con l’Uisp e l’associazione Carcere-Territorio di Bergamo.


(16.08.14) Torre Boldone-Festa in Rosso. Da stasera, per i bambini, GRATIS patatine e spaghetti al pomodoro!

E’ partita ieri sera la Festa in Rosso di Rifondazione Comunista a Torre Boldone con grande partecipazione popolare.

Per molte famiglie, in questi tempi di crisi, le feste popolari sono forse le uniche occasioni per cenare insieme fuori casa e passare una serata diversa.

Per questo da quattro anni siamo riusciti a lasciare i prezzi della cucina invariati e, inoltre,  da stasera, per tutta la durata della festa per i bambini a cena le patatine e gli spaghetti al pomodoro saranno gratis! Intendiamo anche in questo modo sfidare la crisi.

La serata di stasera, oltre al rock di Robi Zonca, sarà dedicata alla Resistenza  con presentazione del video sulla Repubblica dell’Ossola nel 70° anniversario (con Gino Marchitelli) e del libro di Roberto Cremaschi sui “sentieri resistenti” della Malga Lunga, con i canti partigiani del gruppo “Pane e Guerra”


(11.08.14) Alzano Lombardo. Il cordoglio per la scomparsa del compagno Raffaele Caruso

Ciao, Raffaele!

Ieri a causa di una brutta malattia è morto il compagno Raffaele Caruso. Raffaele aveva 45 anni e lascia la moglie e un figlio piccolo.

Era un bravo biologo che amava talmente la sua professione da resistere a molti anni di precariato. Iscritto a Rifondazione Comunista fin dagli anni 90, è stato Segretario del circolo di Alzano, membro del comitato politico provinciale e per un anno anche del comitato politico nazionale. Raffaele era un compagno profondo e gentile. Profondo nell’analisi, nel cercare sempre una via possibile e praticabile al cambiamento, nel rifiutare le banalità e le semplificazioni. Gentile nel modo di rapportarsi, mai arrogante e sempre rispettoso delle posizioni altrui anche quando non le condivideva. Nelle tante riunioni insieme non l’ho mai sentito alzare la voce, non l’ho mai visto andare sopra le righe.

Credeva profondamente nel confronto democratico e cercava sempre di convincerti con il dialogo. Mi vengono in mente le lunghe e ricche discussioni politiche e sulle cose della vita che facevamo in treno mentre ci recavamo a Roma per partecipare al comitato politico nazionale del partito. Penso che in un momento come questo in cui la politica, vuota di idee e contenuti, si fa sempre più gridata e meno pensata, il suo contributo, il suo modo discreto di rapportarsi, ci mancherà molto.

Ciao compagno Raffaele, non ti scorderemo mai! Alla moglie Barbara, al figlio Lorenzo, alla sorella Giusi e alla famiglia, l’abbraccio forte di tutte le compagne e di tutti i compagni di Rifondazione Comunista. (Marco Sironi, 11.08.14)

* La cerimonia funebre domani martedì 12 agosto, alle ore 15.00 dalla chiesa parrocchiale di Ranica.


(09.08.14) Bergamo-Piazza Vecchia. “Striplife” (una giornata a Gaza). Film

Cari Compagni, vi invio in allegato il programma dell’iniziativa in oggetto. Visto il particolare momento storico ed anche perchè il documentario è stato realizzato da due registi a noi molto vicini (Valeria Testagrossa è figlia di un iscritto alla Sez. ANPI di Scanzorosciate; Andrea Zambelli sta portando avanti il progetto del film sul partigiano Rino Bonalumi ), invito tutti a partecipare e a dare massima diffusione dell’iniziativa. Saluti militanti.  (Michele Fiore, Anpi Scanzorosciate)
…….

SABATO 9 Agosto 2014, portico del Palazzo della Ragione in Piazza Vecchia, Bergamo.

- Ore 21:30 proiezione STRIPLIFE ( Regia di: Nicola Grignani, Alberto Mussolini, Luca Scaffidi, Valeria Testagrossa, Andrea Zambelli)

- Ore 22:30 interventi skype di Meri Calvelli e Sami Abu Omar.

- Meri Calvelli, cooperante del Centro Italiano per scambi culturali VIK.
Unica Cooperante rimasta a Gaza durante l’operazione  “Margine protettivo”.
Lavora da piu’ di 30 anni tra Cisgiordania e Gaza.

Organizzatrice e collaboratrice del film “Striplife”.

- Sami Abu Omar, Palestinese, vive a Gaza, lavora anche lui nella associazione VIK. Parla molto bene l’Italiano, perche’ viveva in Italia. Ha lavorato come produttore e interprete per il film “Striplife”.

La serata e’ organizzata da Valeria Testagrossa ( una dei registi) e Bergamo per la Palestina.

STRIPLIFE

Sinossi

Striscia di Gaza.
Un evento inspiegabile è avvenuto durante la notte: decine di mante si sono arenate sulla spiaggia principale di Gaza City.
Carretti di pescatori accorrono da tutta la Striscia, per accaparrarsi carne fresca.
Intanto la città si sveglia. Antar sprona il fratello ad alzarsi, è il grande giorno, nel pomeriggio inciderà il suo primo disco.
Noor si trucca, dovrà apparire davanti alle telecamere.
Jabber è già nel campo. Gli spari dei fucili gli ricordano che vive nella zona cuscinetto che separa Gaza da Israele.
Un corteo si snoda per le strade. Moemen è lì per fare il suo lavoro, il fotografo.
Al porto una barca rientra con lo scafo crivellato dai proiettili.
Il canto del muezzin invade lo spazio, moltiplicato dai minareti. Come in un sogno, i ragazzi del Parkour Team piroettano in un cimitero.
La vita nella striscia si snoda fino alla notte.

Note di regia

Il film é una collaborazione Italo-Palestinese, che racconta l’assedio quotidiano di Gaza attraverso le azioni dei 7 personaggi del film. Un film che racconta la vita nella striscia in un momento di apparente tregua tra l’operazione “Pilastro di difesa” e “Margine protettivo”.

Attraverso il potere del cinema il film descrive la difficolta’ di vivere in un posto sotto assedio territoriale, economico e psicologico, ma anche la resistenza fatta di piccoli gesti quotidiani di un popolo deciso a non soccombere a condizioni di vita appartentemente impossibili.

Trailer:  https://www.youtube.com/watch?v=_r1ehLH6d1s


(08.08.14) L’Altra Europa. NO alla rottamazione della Costituzione


(11.08.14) Coferenza stampa per presentare Festa in Rosso di Liberazione 2014

Lunedì 11 agosto, alle ore 11.30, presso la sede della federazione provinciale di Rifondazione Comunista, a Bergamo in via Borgo Palazzo 84/g, è indetta la Conferenza stampa dove verrà presentato il programma della Festa in Rosso di Liberazione, prevista a Torre Boldone, area feste presso gli impianti sportivi di Via Lombardia, da venerdì 15 a domenica 24 agosto.

Interverranno gli organizzatori della Festa: Maurizio Rovetta (segretario del circolo Prc di Torre Boldone), Vittorio Armanni,  Lorenzo Zimei, Andrea Giudici (segreteria provinciale Prc) e Chiara Fornoni (Giovani Comunisti – bg)


(10.08.14) ENDINE. PER RICORDARE IL PARTIGIANO “BRACH” E LA RESISTENZA

Comunicato Anpi di Endine Gaiano

Sono trascorsi diciotto anni dalla morte, avvenuta il dieci agosto del 1996 a Bergamo, dell’On. Giuseppe Brighenti, partigiano Brach. Anche quest’anno gli amici e i compagni lo vogliono ricordare il 10 Agosto 2014 con una breve cerimonia presso il cimitero di Endine Gaiano alle ore 10,00. Anche alla Malga Lunga alle ore 11 del medesimo giorno l’iniziativa Uomini della Resistenza: memoria in musica offrirà lo spunto per ricordare e rendere omaggio ai protagonisti della lotta partigiana.

Brach tornava spesso a Endine Gaiano e alla Malga Lunga per incontrare gli amici e i compagni di una vita, per dialogare con i giovani ai quali trasmettere il suo pensiero maturato da giovane partigiano della Cinquantatreesima Brigata Garibaldi Tredici Martiri di Lovere. Il suo impegno maturato nell’attività politica, sindacale e istituzionale, speso al servizio della collettività offre a noi tutti più d’un motivo di ricordo ma un sentimento di profonda e appassionata riconoscenza. Ricordare il suo impegno sindacale, politico e civile ci offre lo spunto per il dialogo con le persone e l’approfondimento dei temi sociali e attuali che divengono poi ispirazione di successive iniziative culturali .

Ispirandosi ai valori della Resistenza e della Carta Costituzionale, Brach, si impegnò perché anche nel lavoro e nella società fossero perseguiti gli ideali di Libertà, Uguaglianza e Giustizia Sociale.

Non solo quindi un ricordo, attraverso una semplice commemorazione, ma memoria di Testimonianza Sociale e Politica di una persona che ancor oggi alimenta il cuore e la mente di chi si batte per una Italia Repubblicana, Unita e Democratica, e di chi gli ha voluto, vuole, e vorrà bene. (Anpi Endine Gaiano, il segretario Pasquale Lampugnani, il presidente Andrea Brighenti)

Comunicato dell’Anpi di Endine: Qui. Su Giuseppe Brighenti (1924-1996): qui

(10.08.14) ENDINE. ALCUNE FOTO DELL’INCONTRO DI QUESTA MATTINA: QUI


(31.07.14) Bergamo. Prc aderisce alla campagna referendaria “Stop Austerità”

Il Partito della Rifondazione Comunista di Bergamo aderisce alla campagna di 4  quesiti referendari abrogativi della legge 243/2012 attuativa del principio del pareggio di bilancio introdotto con la modifica dell’art.81 della Costituzione.

I rappresentanti PRC nel Comitato promotore sono :

VITTORIO ARMANNI , membro del Comitato Politico Prc di Bergamo – tel. 347 7969101 – email vittorioarmanni@yahoo.it

ANDREA GIUDICI, membro della Segreteria Provinciale Prc Bergamo –   tel.349 5120487 – email andgiudi@gmail.com

I punti già  organizzati per la campagna di raccolta Firme  al momento sono :

- La festa in Rosso di Liberazione che si svolge a Torre Boldone dal 15 al 24 di agosto

- La festa in Rosso di Castelli Caleppio-Quintano che si svolge dal 10 a 14 settembre

-Eventuali altre iniziative saranno comunicate di volta in volta.

Così ha dichiarato alla stampa Vittorio Armanni: “Le politiche di austerità dei tagli indiscriminati, di assenza di investimenti per il futuro dei giovani e delle imprese , di aumenti insostenibili della pressione fiscale, hanno raddoppiato la disoccupazione, fatto chiudere 3 milioni di imprese e peggiorato i conti pubblici. Il fallimento dell’Austerità ha prodotto danni combinati della crisi e delle politiche recessive.

I quesiti referendari  mirano ad abrogare le disposizioni più restrittive della legge 243/2012 rispetto alla stessa modifica dell’art.81 della Costituzione.

I referendum rafforzano a livello di massa la denuncia del Fiscal Compact e delle politiche di austerità.

La campagna referendaria deve avere anche l’obiettivo di denunciare l’art.81 per rimettere in discussione in radice il principio del pareggio di bilancio , il Fiscal Compact che peserà per oltre 40 Mld/Euro anno sul bilancio degli italiani e i trattati europei che negano la costruzione di una Europa dei popoli“. (Bergamo 31 luglio 2014 – Vittorio Armanni)


(31.07.14) Bergamo. Presidio per la Palestina – raccolta fondi e medicinali per Gaza

Con la Palestina nel cuore

* Giovedì 31 luglio, ore 18.30, a Bergamo – Piazza Vittorio Veneto

PRESIDIO in solidarietà al  Popolo Palestinese e raccolta fondi e medicinali per Gaza

Quello che succede a Gaza in questi giorni è l’ennessima dimostrazione di forza da parte del governo israeliano contro la popolazione Palestinese.

Il Popolo Palestinese da anni è costretto a sistematiche violenze: la continua espansione delle colonie, il muro, i raid, e demolizioni, gli arresti, le condizioni dei prigionieri politici e dei bambini fatti oggetto di violenze – come anche l’ONU ha più volte denunciato – per non parlare delle continue vessazioni dei coloni.

Il PRC di Bergamo aderisce e sostiene il presidio idetto in Piazza Vittorio Veneto a Bergamore  giovedì 31 luglio alle ore 18.30 a sostegno della gente di Gaza, per chiedere la fine dei bombardamenti e l’immediato ritiro dell’esercito israeliano da Gaza.

Saremo in piazza per denunciare l’assenza di una comunità internazionale in grado di tutelare le regole minime di convivenza tra diversi popoli ed incapace di fermare il genocidio in corso.

Per denunciare la complicità del governo Italiano che, fornendo armi–come i caccia addestratori avanzati M-346 “Master”- a Israele, ne supporta implicitamente l’attività bellica criminale a Gaza,denunciamo inoltre il vergognoso servilismo della stragrande maggioranza dei media italiani al governo di Tel Aviv.

Con la Palestina nel cuore, invitiamo tutte le compagne e i compagni a partecipare a questo appuntamento per dare un aiuto concreto alla popolazione di Gaza,per sostenere la resistenza palestinese e chi quotidianamente in Palestina lotta contro l’occupazione. (30.07.14)


  • Visite al sito

  • Eccetto dove diversamente specificato, i contenuti di questo sito sono rilasciati sotto Licenza Creative Commons Attribuzione 2.5.
    iDream theme by Templates Next | Powered by WordPress